Home Serie BReggina Reggina, buona la prima di Drago: decisivi Strambelli e Baclet nella ripresa

Reggina, buona la prima di Drago: decisivi Strambelli e Baclet nella ripresa

by Redazione Sport Team Calabria

La Reggina vuole cancellare definitivamente dalla memoria il terribile primo tempo del derby contro il Catanzaro, e proseguire sulla scia e sullo spirito della ripresa. Alla guida però non c’è più Cevoli, ma Massimo Drago che fa quindi il suo esordio sulla panchina amaranto.
Drago schiera i suoi col suo classico 4-3-3, con Bellomo nella posizione di mezzala, ed il tridente composto da Strambelli e Sandomenico larghi a supporto di Baclet.
Raciti risponde con un 4-2-3-1 frizzante e coraggioso con tanta fantasia e rapidità sulla trequarti, con Palermo, Tiscione e Souare, alle spalle di Catania riferimento offensivo.

Partono meglio i padroni di casa che sembrano più propositivi e più vogliosi di fare il match. La Reggina pare invece iniziare col freno a mano tirato, con i giocatori che hanno bisogno di diversi minuti prima di iniziare a trovare le misure giuste in campo.
Di tutto questo approfitta il Siracusa che nella prima fase del primo tempo tiene spesso in ansia la difesa reggina, soprattutto grazie alle iniziative sulla sinistra di Souare, ma anche col lavoro di Palermo sulla fascia opposta, e con gli inserimenti centrali di Tiscione. Il primo pericolo, non serissimo, arriva dalla testa di Souare intorno all’ottavo minuto con Farroni che però para senza difficoltà.
Al minuto numero 11 si fa vedere la Reggina dall’altra parte, prima con una bella punizione tagliata di Bellomo che però non trova la deviazione decisiva, e poi con un tiro di Kirwan da fuori area che esce di un paio di metri. Due minuti dopo accenno di rissa dopo un brutto fallo subito da Baclet, con lo stesso attaccante francese che viene ammonito insieme a Bertolo dei siciliani.
È comunque sempre Bellomo l’uomo più pericoloso per gli ospiti. Partendo dalla posizione di mezzala ma andando spesso a fare il trequartista a tutti gli effetti, l’ex barese pare ispirato in fase di rifinitura. Per il Siracusa è sempre Souare a rappresentare una spina nel fianco per Kirwan, ma tutta la squadra gioca un primo tempo di personalità mettendo spesso in difficoltà la costruzione di gioco degli uomini di Drago ed allo stesso tempo riuscendo ad trovare corridoi interessanti sia centralmente che sulle fasce. Altre occasioni degne di nota sono il tiro da fuori di Tiscione al 25° e quello, molto bello, di Strambelli in chiusura di frazione sul quale è bravo Crispino. I primi 45 minuti si concludono comunque sullo 0-0.

La ripresa, rispetto al primo tempo, è caratterizzata da un ritmo molto più lento e compassato, specie nel primo quarto d’ora. La Reggina tenta di gestire meglio il possesso palla, in attesa dell’occasione per colpire, mentre i padroni di casa sembrano risentire dei primi 45 minuti giocati al massimo e quindi molto dispendiosi.
Dopo un paio di occasioni capitate sui piedi di Bellomo e di Catania, la gara si sblocca esattamente dopo un’ora di gioco: dai pressi della bandierina Strambelli lascia partire un tiro-cross a giro sul secondo palo di “delpierana” memoria, che va a infilarsi proprio sotto l’incrocio dei pali.
Episodio che oltre a sbloccare il match, sblocca anche mentalmente la squadra di Drago che, una volta passata in vantaggio, prende fiducia e sette minuti dopo trova il raddoppio con Baclet bravo a finalizzare una discesa travolgente sulla destra di Franchini coronata da un assist in area perfetto con l’accorrente bomber francese che deve solo spingere in rete a porta vuota.
La parte finale del match è gestita in modo saggio dagli ospiti che praticamente non corrono alcun pericolo, con la solita girandola di cambi che non incide più sull’andamento della partita.

Reggina che vince dunque all’esordio del suo nuovo tecnico, Massimo Drago. Vince, ma non convince a pieno, soprattutto a causa di un primo tempo non ottimale. Certo, col cambio di allenatore così “fresco” non è facile per i giocatori e ci vorrà tempo. Fortunatamente sono comunque arrivati tre punti importantissimi che permettono alla Reggina di poter lavorare con più serenità e si salire a quota 36 in classifica.

 

TABELLINO

Siracusa – Reggina 0 – 2 (62° Strambelli, 68° Baclet)

SIRACUSA(4-2-3-1): Crispino; Daffara, Di Sabatino, Bruno, Bertolo; Ott Vale(74° Talamo), Gio. Fricano(81° Vazquez); Palermo, Tiscione, Souare(66° Cognigni); Catania  ALL: Raciti

REGGINA(4-3-3): Farroni; Kirwan, Conson, Gasparetto, Procopio; Bellomo(93° Marino), Zibert(46° Salandria), Franchini; Strambelli(93° Solini), Baclet(82° Tassi), Sandomenico  ALL: Drago

Arbitro: Paterna di Teramo

Ammoniti: Bertolo (Sir), Baclet (Reg), Zibert (Reg), Tiscione (Sir)

Related Articles

Leave a Comment