Home Serie CCatanzaro [STC REPORT] – SERIE C – 8^ Giornata

[STC REPORT] – SERIE C – 8^ Giornata

by Redazione Sport Team Calabria

L’ottava giornata del campionato di C vede un’altra prova di forza della Juve Stabia che continua a viaggiare su numeri straordinari (6 vittorie su 6 gare, 17 gol fatti), rispondono presenti Trapani, Catania e Rende protagoniste di goleade contro Rieti, Paganese e Bisceglie. Impatta invece la Casertana che pareggia per 2-2 a Matera perdendo un po’ di terreno dalla testa della classifica. Vittorie di misura ma con un alto coefficiente di importanza per Vibonese e Potenza, brutto stop per la Reggina. Giornata all’insegna di scoppiettanti doppiette per Castaldo (Casertana), Corapi (Trapani), Curiale e Marotta (Catania).

Vibonese-Sicula Leonzio 1-0

La Vibonese, dopo Cavese e Rieti, liquida anche la Sicula Leonzio tra le mura amiche e si regala un bel filotto di vittorie che spalanca le prime posizioni di classifica. Basta un gol di Bubas nel secondo tempo per far continuare a sognare i tifosi rossoblù. Qui l’analisi completa del match

Rende-Bisceglie 3-0

Il Rende strapazza il Bisceglie con una prestazione di alta intensità nel primo tempo e di grande gestione ed intelligenza nella ripresa. Niente da fare per i nerazzurristellati che hanno commesso troppi errori individuali. Qui l’analisi completa del match

Reggina-Virtus Francavilla 0-1

Sconfitta immeritata per gli uomini di Cevoli che soccombono per un solo tiro ma efficace di Folorunsho e recriminano per dubbie decisioni arbitrali. Qui l’analisi completa del match

Juve Stabia-Monopoli 2-1 [25′ Berardi (M), 30′ Troest (J), 51′ Carlini (J)]

Continua inarrestabile la marcia della Juve Stabia che supera in rimonta anche il Monopoli al “Romeo Menti” di Castellammare. I pugliesi infatti si erano portati in vantaggio al 25’ grazie ad un’ottima triangolazione tra Rota e Scoppa che ha portato il numero 20 biancoverde in area di rigore servendo a Berardi un pallone che doveva essere solamente spinto in porta. La reazione della squadra di Caserta è immediata pareggiando già al 30’ grazie ad un perentorio stacco di testa di Troest dagli sviluppi di un calcio d’angolo. Il vantaggio arriva ancora da un calcio d’angolo al 51’ quando Carlini appoggia di testa in rete dopo una respinta del portiere Pissardo che aveva compiuto un ottimo intervento su un colpo di tacco ravvicinato di Marzorati in acrobazia. Le vespe sfiorano più volte il 3-1, specialmente sfruttando altre palle inattive e soprattutto al 77’ quando Canotto lanciato a rete viene fermato solamente da una parata straordinaria di Pissardo, ma il risultato rimane con un solo gol di scarto.

Paganese-Catania 2-4 [1′, 13′ Marotta (C), 4′, 81 rig. Curiale (C), 36′ Parigi (P), 53′ Scarpa (P)]

Una doppietta di Marotta e una doppietta di Curiale permettono al Catania di espugnare il “Torre” di Pagani e di rispondere presente all’appello delle squadre che stanno al vertice della classifica. I rossoazzurri si portano in vantaggio dopo appena 11 secondi con un destro fulmineo di Marotta, raddoppia immediatamente Curiale dopo 3 minuti che ben servito da un lancio di 30 metri di Lodi batte col piatto destro il portiere campano Galli. Non finisce qui perché al 13’ gli etnei si portano già sullo 0-3 ancora con Marotta che sfrutta un errore con palla in uscita di Sapone e insacca la terza rete siciliana. Fisiologicamente gli ospiti cercano di gestire la gara ma i padroni di casa si rifanno sotto prima con la rete al 37’ di Parigi con un colpo di testa su calcio d’angolo di Scarpa, poi con lo stesso numero 10 azzurrostellato al 53’ con una magistrale pennellata su una punizione dai 25 metri. Gli uomini di Sottil rischiano addirittura di subire il pareggio prima al 70’ con un tiro di Nacci al volo da 30 metri che finisce fuori di pochissimo poi al 75’ con Parigi che a pochi passi da Pisseri spara incredibilmente addosso al portiere catanese. Alla lunga esce nuovamente fuori la superiore qualità nei singoli del Catania che all’82’ chiude la gara con un altro gol di Curiale grazie ad un rigore da lui stesso procurato.

Trapani-Rieti 3-0 [30′ rig, 40′ Corapi, 34′ Aloi]

Tutto facile per il Trapani che strapazza il Rieti e chiude i giochi già nei primi 45 minuti. L’ultimo quarto d’ora del primo tempo si è abbattuta la tempesta siciliana con Corapi autore di una doppietta con un calcio di rigore al 30’ e poi con un chirurgico sinistro al volo sul secondo palo al 40’, in mezzo a tutto questo Aloi aveva raddoppiato momentaneamente per i padroni di casa con un destro secco sul secondo palo al 34’. Nella ripresa solo Trapani in campo che va vicinissimo al quarto gol con Tulli al 79’ ma il suo poderoso colpo di testa va a sbattere sulla traversa, nel finale due sussulti del Rieti ne giro due minuti prima con Gallifuoco che prova un diagonale in area di rigore ma Dini si oppone con prontezza di riflessi e poi con Pepe che spreca una buona occasione per il gol della bandiera calciando alto un pallone arrivatogli nei pressi dell’area piccola.

Matera-Casertana 2-2 [38′ Dammacco (M), 50′ , 67′ Castaldo (C), 54′ Stendardo (M)]

La Casertana impatta al “Salerno-XXI Settembre” contro un Matera che ha strappato un ottimo punto in ottica salvezza: i lucani sono andati per ben due volte in vantaggio prima di subire il doppio ritorno dei campani (grazie alla doppietta di Castaldo) che non sono riusciti poi a concludere la definitiva rimonta da tre punti. Il Matera va sull’1-0 al 38’ grazie a Dammacco servito molto bene dalla destra da Risaliti e con questo risultato si chiude un primo tempo che non ha offerto grandi emozioni. Quest’ultime invece si concretizzano nella ripresa dove prima il Matera rischia di raddoppiare di nuovo con Sammacco al 48’ ma il suo tiro risulta impreciso poi subisce il gol dell’1-1 grazie ad una zampata di Castaldo imbeccato in area di rigore da un cross di Cigliano. Dopo solo quattro minuti i padroni di casa si riportano a sorpresa avanti sul 2-1 con un colpo di testa di Stendardo che in torsione sfrutta un cross di Corso dalla fascia destra. La Casertana non ci sta e trova al 67’ il gol del 2-2 ancora con Castaldo che di testa schiaccia efficacemente un morbido traversone dalla sinistra di Zito. La palla del potenziale sorpasso rossoblù ce l’ha Mancino all’84’ che col sinistro fa partire un bolide dai 16 metri ma il portiere di casa Farroni si esalta con una grande parata e congela il pareggio finale.

Siracusa-Potenza 0-1 [19′ Genchi (P)]

Continua la crisi del Siracusa alla quarta sconfitta consecutiva con soli 3 punti in classifica dopo 6 gare, mentre la cura Raffaele al Potenza sta continuando avere i suoi effetti con ben 7 punti in 3 gare. Succede quasi tutto nei primi 45 minuti in cui c’è una partenza iniziale di marca rossoblù con sortite in avanti di Strambelli e Piccinni che cercano senza fortuna il vantaggio. Sorpasso che arriva però al 20′ con Genchi che da un calcio di punizione dalla destra è lesto a mettere il pallone in rete. Il Siracusa ci prova ma senza convinzione, i lucani pensano a gestire il risultato riuscendoci anche bene. Negli istanti finali di gara il nervosismo dei siciliani è percepibile e si concretizza con l’esoulsione del trequartista Rizzo per un fallo di reazione al 94′

Classifica:

Trapani                        19

Juve Stabia                  18 **

Rende                          15

Catania                        13 ***

Vibonese                     13

Casertana                    11 *

Catanzaro                     9 **

Virtus Francavilla            9 **

Potenza                            9 *

Monopoli                        8 **

Bisceglie                          8 *

Sicula Leonzio                8 *

Cavese                             8 **

Rieti                                  7 *

Reggina                           7 **

Virtus Francavilla            6 *

Matera                              4 *

Siracusa                            3 **

Paganese                          1 *

Viterbese                          0 (non ancora scesa in campo)

* = numero di gare in meno

Related Articles

Leave a Comment