Home Serie CCatanzaro Serie C: Fischnaller e Giannone firmano una vittoria piuttosto facile del Catanzaro

Serie C: Fischnaller e Giannone firmano una vittoria piuttosto facile del Catanzaro

by Redazione Sport Team Calabria

 

Tre gol, prestazione convincente e vittoria: il Natale del Catanzaro sarà un Natale sereno.

In serie positiva da nove turni, il Catanzaro vuole tornare alla vittoria dopo il pareggio nel pantano di Matera e per farlo deve battere il Siracusa. Situazione totalmente opposta per gli aretusei che stazionano al 14° posto in classifica e vengono da tre pareggi consecutivi che però non hanno evitato l’esonero di Pazienza sostituito da Ezio Raciti (che farà il suo esordio a Catanzaro) già collaboratore dell’ex tecnico Pagana. Dunque sulla carta impegno che può sembrar semplice ma che non va sottovalutato.

Auteri per l’occasione sceglie Fischnaller dall’inizio insieme al marcatore di Matera D’Ursi ed a Giannone che è la vera sorpresa dell’undici avversario con Kanoutè relegato in panchina. Dall’altra parte mister Raciti da subito fiducia all’ultimo arrivato Tiscione.
Pronti via il Catanzaro sfonda a sinistra con Favalli che ha già una buona occasione ma calcia largo in diagonale. Al terzo minuto invece la spinta arriva dall’altro lato ma il cross di Statella è ben allontanato dalla difesa sicula.
Resta il fatto che la partenza dei padroni di casa è davvero importante, volta a dare un messaggio all’avversario che non cade neanche al 7′ quando D’Ursi si incunea per le vie centrali nel cuore della difesa avversaria ma calcia addosso a Messina, il gol è nell’aria.
Ma non essendo il calcio una scienza esatta, ecco che la prima volta che gli ospiti superando la metà campo sfiorano il gol: Tuninetti pesca Catania tra le linee che aggancia e calcia chiamando Furlan al suo primo intervento importante.
I giallorossi però non si intimoriscono e riprendendo a macinare gioco, trovando il meritato vantaggio al 17′: D’Ursi – in posizione di ala sinistra – si accentra e lascia partire un destro dalla traiettoria imprevedibile che Messina non trattiene ma respinge, sulla respinta Giannone è prontissimo di testa a siglare la rete del 1-0.
Dopo il vantaggio i ritmi calano e gli uomini di Auteri – pur provando ad attaccare – preferiscono gestire mentre gli avversari non danno alcun segnale di ripresa.
Pertanto si arriva così alla mezzora con poco o nulla da segnalare se non alcuni cori di affetto tra le due tifoserie gemellate.
Al 38′ si rivede il Catanzaro in avanti: Maita lancia per D’Ursi che controlla e crossa per Fischnaller il quale prova a concludere al meglio l’azione ma spedisce alto.
Sono le prove generali per l’altoatesino che due minuti dopo raddoppia: incuriosione centrale palla al piede di capitan Maita che serve Fischnaller nello spazio, l’attaccante avanza pochi centimetri ed angola la conclusione di destro alla sinistra di Messina , 2-0 al 40′.
È l’ultima emozione di una prima frazione dominata dai giallorossi che vedono i loro sforzi premiati, almeno per ora.
Nella ripresa non cambia il canovaccio tattico, nonostante Raciti apeffettui un cambio, il suo Siracusa subisce ancora le pressione avversaria che sfocia nella rete del 3-0 al 52′.

Questa volta non è un’azione manovrata a portare al gol ma bensì un lancio di Furlan, il portiere giallorosso che si inventa un’apertura col goniometro sui piedi di Fischnaller che effettua un controllo volante col tacco e di destro batte Messina.

Dal momento della terza rete in poi, gli aretusei hanno un sussulto d’orgoglio che produce la rete del 1-3 al 59′ grazie a Tiscione – esordio con gol per lui – che lanciato in verticale supera Furlan in uscita e realizza il punto che accorcia le distanze. Pertanto il Siracusa non è ancora uscito definitivamente dalla gara.

Auteri prova a chiuderla con i cambi, ben quattro effettuati contemporaneamente per far rifiatare Maita e l’intero tridente offensivo, siamo al 70′ ed il tecnico siciliani vuole il colpo del k.o.

Dal canto suo Raciti continua a fidarsi degli uomini in campo, cambiando l’atteggiamento e spostando il baricentro in avanti di una ventina di metri.

Le forze fresche in campo, permettono ai giallorossi di gestire con relativa tranquillità i minuti successivi, si arriva infatti al 80′ senza altre emozioni.

Gli ultimi 10 minuti sono di ordinaria amministrazione: le aquile provano a divertirsi e D’Ursi sfiora il gol in due circostanze, prima della girandola di cambi ospite che però non porta nulla di positivo ai siciliani.

Il finale di gara è passerella per i giovani Lame e Repossi e per Kanoutè che con alcune accelerazioni mette in subbuglio la difesa ospite senza però riuscire ad esser preciso sottoporta.

Pertanto i giallorossi tornano meritatamente alla vittoria col minimo sforzo ed Auteri riesce nello stesso tempo a dosare le forze dei suoi che avranno adesso due difficili trasferte.

Con questa vittoria il Catanzaro aggancia il Rende a 31 punti ma con una gara in meno.

 

TABELLINO    Catanzaro – Siracusa 3-1 (17’Giannone, 40′ e 52′ Fischnaller, 59′ Tiscione)

CATANZARO (3-4-3): Furlan; Celiento, Riggio, Signorini (dal 86′ Lame) ; Statella, Maita (dal 68′ Eklu), Iuliano, Favalli; Giannone (dal 68′ Repossi), Fischnaller (dal 68′ Kanoutè), D’Ursi (dal 68′ Ciccone). All. Auteri

SIRACUSA (5-3-2): Messina; Di Sabatino (dal 80′ Fricano Gia), Turati, Bruno; Daffara, Del Col (dal 80′ Fricano Gio), Palermo (dal 80′ Rizzo), Tuninetti (dal 46′ Mustacciolo), Franco (dal 63′ Russini); Catania, Tiscione. All.Raciti

Ammoniti: Giannone, Signorini, Palermo, Del Col, Eklu, Statella

Arbitro: Maranesi di Ciampino

 

Related Articles

Leave a Comment