Home Rende Serie C, non basta più di un’ora in 11 contro 10: il Rende a Potenza non va oltre lo 0-0

Serie C, non basta più di un’ora in 11 contro 10: il Rende a Potenza non va oltre lo 0-0

by Redazione Sport Team Calabria

Potenza e Rende per difendere un piazzamento playoff che a questo punto della stagione è chiaramente un obiettivo minimo per entrambe le compagini. Il Rende vuole interrompe la terribile serie negativa di 5 sconfitte, mentre i padroni di casa vogliono confermare la vittoria esterna rocambolesca per 3-4 sul campo della Paganese.
Diversi volti nuovi dall’inizio tra i biancorossi di Modesto, con Bei che sostituisce lo squalificato Germinio, Bonetto e Zivkoc in mediana e Leveque nel tridente offensivo insieme a Vivacqua e Borello.
Il tema tattico della prima metà del primo tempo consiste nel Rende che mantiene a lungo il possesso palla ed il Potenza che sta rintanato e tenta di ripartire appena ne ha la possibilità.
I più attivi tra gli ospiti sono Viteritti e Franco, con Leveque e Borello che provano spesso a saltare l’uomo riuscendoci raramente. La partita, non bellissima dal punto di vista spettacolare, si incattivisce notevolmente intorno alla mezz’ora: il centravanti brasiliano França viene espulso per un fallo a centrocampo, ed a palla lontana, ai danni del capitano del Rende Franco. Tante le proteste dei rossoblu, ed i minuti che seguono sono tutto fuorché calcio giocato, con continue interruzioni e proteste soprattutto dei padroni di casa, spinti anche dal pubblico che in modo accesso esprime il proprio malcontento verso l’operato arbitrale.
Nonostante l’inferiorità numerica è proprio il Potenza ad andare vicino al gol del vantaggio nel recupero del primo tempo prima con Coccia e poi con Lescano: in entrambe le occasioni è strepitoso Savelloni a chiudere lo specchio ed a salvare il risultato. Si va quindi negli spogliatoi sullo 0-0.

Cambia le carte in tavola nella ripresa Modesto, inserendo Awua e Rossini per Bonetto e Leveque. I primi 10 minuti sono comunque giocati a ritmo molto basso da entrambe le squadre, con i biancorossi che pur avendo la superiorità numerica non vogliono tentare l’assalto sin da subito, preferendo una gestione il più sapiente possibile del pallone in attesa dell’occasione giusta per colpire.
Spettacolo che lascia a desiderare, ma agonismo a livelli altissimi con il Potenza che cerca di compensare l’uomo in meno lottando su ogni pallone e chiudendo tutti gli spazi. Il Rende continua a non forzare e per la prima metà della ripresa di occasioni degne di nota nemmeno l’ombra.
Nonostante i vari cambi che entrambi gli allenatori effettuano durante la ripresa non cambia in nessun modo il tema del match con il Rende che mantiene un possesso palla lungo ma poco produttivo ed il Potenza che si difende bene e, grazie anche alla spinta del pubblico, riesce a respingere tutti gli attacchi e ad essere anche pericoloso in fase offensiva.
La gara si conferma “cattiva” anche in questo secondo tempo con diversi scontri e con diversi giocatori che finiscono sul taccuino del direttore di gara.
Anche nel recupero di questi secondi 45 minuti è addirittura il Potenza a tentare con maggior convinzione di trovare la rete decisiva ma Savelloni, come nel primo tempo, si fa trovare sempre pronto a sventare ogni pericolo.

Finisce quindi 0-0, un punto che alla vigilia sarebbe andato bene a entrambe, probabilmente. Visto poi che il Potenza ha giocato più di un’ora con un uomo in meno, il punto acquisisce ovviamente maggior valore per i padroni di casa rispetto ad un Rende che può sì interrompere la serie di 5 sconfitte consecutive, che è comunque oro che cola visti i tempi, ma che probabilmente avrebbe potuto e dovuto fare di più e meglio in fase offensiva. Potenza e Rende che salgono rispettivamente a 31 e 32 punti, al decimo e nono posto in classifica.

TABELLINO

Potenza – Rende 0 – 0

POTENZA(3-5-2): Ioime; Di Somma, Emerson, Giosa; Coccia, Guaita(45° Coppola), Matera, Ricci(62° Sales), Sepe; Lescano, França  ALL: Raffaele

RENDE (3-4-3): Savelloni; Bei, Minelli, Sabato; Viteritti(89° Giannotti), Franco, Bonetto(46° Awua), Zivkov; Borello, Vivacqua(79° Actis Goretta), Leveque(46° Rossini) ALL: Modesto

Arbitro: Santoro di Messina

Ammoniti: Bei (Ren), Lescano (Pot), Ricci (Pot), Zivkov (Ren), Sales (Pot), Emerson (Pot), Awua (Ren)

Espulso: França (Pot)

Note:

Related Articles

Leave a Comment