Home Catanzaro Serie C: un Catanzaro perfetto espugna il Massimino, 0-2 il finale

Serie C: un Catanzaro perfetto espugna il Massimino, 0-2 il finale

by Redazione Sport Team Calabria

Il Catania per continuare la sua rincorsa verso le primissime posizioni della classifica. Il Catanzaro è alla ricerca di quella vittoria che possa dare una svolta importante alla stagione.
Sottil si affida ad un 3-5-2 nel quale Lodi parte da interno destro in fase difensiva per poi allargarsi e alzarsi quando il Catania è in possesso di palla. Manneh, a supporto di Marotta, parte largo a sinistra. Auteri conferma il suo 3-4-3 col rientro di Riggio nel pacchetto difensivo, mentre il tridente sarà composto da Fischnaller, Ciccone e Kanoute. Esordio in porta per il neo-arrivato Furlan.

L’inizio del match è di marca giallorossa. La squadra di Auteri parte subito aggressiva e dà l’impressione di poter mettere in difficoltà la difesa a tre del Catania. I primi 10 minuti sono perlopiù di studio, comunque, ma a provarci è solo il Catanzaro, seppur con due conclusioni da fuori non pericolose di Statella e Maita.
Il Catania cerca principalmente di attaccare sulla fascia sinistra con iniziative di Ciancio e Manneh, mentre Lodi dall’altra parte è praticamente fuori dal gioco.
Il tre contro tre che si crea spesso nella metà campo catanese mette in seria difficoltà i siciliani: il tridente giallorosso appare ispirato e con diverse combinazioni palla a terra e veloci verticalizzazioni manda spesso in crisi la difesa avversaria. Al 14° arriva il meritato vantaggio per il Catanzaro: verticalizzazione rasoterra sui piedi Ciccione che è bravo a venire incontro e toccare di prima per Kanoute che parte e punta Silvestri e dopo un paio di finte calcia in porta con Pisseri che non è per nulla reattivo e si fa passare la palla tra le gambe, 0-1.
Dopo il gol subito sembra reagire il Catania ma, oltre un paio di tiri di Marotta e Angiulli che non centrano la porta, Furlan non corre particolari pericoli e dà sicurezza alla sua retroguardia uscendo sempre bene sui diversi cross spiovuti in area.
Il predominio rimane comunque nettamente a favore dei giallorossi che sono compatti, alti, precisi negli scambi palla a terra e soprattutto appaiono concentrati come forse mai prima d’ora in stagione. Maita e De Risio fanno un gran lavoro in mezzo al campo di rottura e ripartenza, quest’ultimo uscirà per infortunio sostituito da Iuliano.
Negli ultimi 10 minuti il Catanzaro va alcune volte vicino al gol del raddoppio con Fischnaller e Ciccione ispiratissimi e con Favalli che si inserisce spesso creando il panico nell’area catanese.
Il Catania non riesce a creare azioni degne di nota e sembra quasi non vedere l’ora di arrivare all’intervallo in svantaggio di un solo gol in modo da potersi riorganizzare. E così succede con le squadre negli spogliatoi col Catanzaro in vantaggio per 1-0.

Sottil cambia tutto con addirittura tre cambi: entrano Curiale, Rizzo e Barisic al posto di Esposito, Angiulli e Manneh schierando i suoi con un 3-4-1-2 molto offensivo con Ciancio nei tre di difesa e Barisic esterno, e Lodi dietro Marotta e Curiale.
Pressione offensiva che aumenta quindi per il Catania ma il Catanzaro sembra tenere bene, riuscendo anche a ripartire e creare ogni volta situazioni potenzialmente pericolose. Al 53° è fondamentale un salvataggio di Riggio che di testa anticipa Curiale tutto solo dopo un cross dalla sinistra di Baraye.
Oltre alla pressione offensiva aumentano però proporzionalmente anche gli spazi per gli attaccanti del Catanzaro: al 63° ripartenza letale iniziata da un grande Maita che lancia Kanoute il quale serve Fischnaller che calcia a botta sicura ma centrale con la parata di Pisseri; sulla respinta palla che finisce tra i piedi di Kanoute, il suo tiro è deviato da un difensore e la palla finisce sulla traversa rimbalzando poi di qualche centimetro al di qua della linea di porta.
Qualche minuto dopo è Maita a provarci direttamente da fuori con un bel sinistro che termina di poco a lato del palo. Sulla destra Kanoute fa quello che vuole, al 69° si beve mezza difesa prima di mettere un pallone pericoloso in area sul quale salva la difesa.
Il raddoppio, più che meritato, arriva finalmente al 75°: Giannone, appena entrato al posto di Fischnaller, riceve un pallone al limite dell’area e lascia partire un tiro di sinistro fantastico che va a infilarsi sotto l’incrocio dei pali, 0-2!
Reagisce con veemenza il Catania e Furlan è bravissimo a respingere una bomba da fuori di Biagianti prima e a bloccare un tiro ravvicinato di Curiale. Nei minuti finali tenta il tutto per tutto la formazione di casa ma il Catanzaro si chiude bene, va vicinissimo al terzo gol con un clamoroso palo-palo di Nicoletti, e riesce a difendere il risultato fino al triplice fischio finale.
Grandissima vittoria per i ragazzi di Auteri che fanno una partita letteralmente perfetta contro quella che è forse la maggiore accreditata in chiave di vittoria finale del campionato e salgono a 14 punti in classifica. Una vittoria che quindi potrà dare un’iniezione di fiducia notevole in vista delle prossime partite.

 

 

TABELLINO

Catania-Catanzaro 0-2 (15° Kanoute, 75° Giannone)

CATANIA (3-5-2): Pisseri; Aya, Esposito(46° Rizzo), Silvestri; Calapai(30° Baraye), Lodi, Biagianti(81° Vassallo), Angiulli(46° Barisic), Ciancio; Marotta, Manneh(46° Curiale)   ALL: Sottil

CATANZARO(3-4-3): Furlan; Celiento, Figliomeni, Riggio; Statella(80° Nicoletti), De Risio(20° Iuliano), Maita, Favalli; Fischnaller(72° Giannone), Ciccone(80° Infantino), Kanoute(80° Eklu)  ALL: Auteri

Ammoniti: Celiento (Cz), Silvestri (Ct), Marotta (Ct), Iuliano (Cz), Furlan (Cz)

Related Articles

Leave a Comment